La nostra #MuseumWeek 2019 in 7 foto (e un'intervista speciale)

La scorsa settimana, dal 13 al 19 maggio, si è svolta la sesta edizione della #MuseumWeek, ovvero l’evento globale che ogni anno per sette giorni consecutivi fa chiacchierare sui social media tutti i musei del mondo lanciando ogni giorno un tema diverso, o meglio un hashtag… (vi avevamo spiegato tutto qui).

Museum Week 2019 in 7 foto.jpg

Ovviamente - in quanto Museo all’aperto - abbiamo partecipato anche noi! Ecco dunque la nostra #MuseumWeek 2019 in 7 foto che abbiamo condiviso su Instagram, Facebook e Twitter, e attraverso le quali potrete conoscere un pochino di più il nostro piccolo grande #BorgoMuseo! Di seguito, le foto - tutte a firma di Rachele Salvioli - direttamente dal nostro profilo IG (e se scorrete fino in fondo troverete poi un’intervista speciale)…


#️⃣🚺🏛 #WomenInCulture * Per il primo tema/hashtag della #MuseumWeek2019, scegliamo di condividere questo dettaglio de "La Madre" - una delle due sculture in terracotta, nel nostro #BorgoMuseo, firmate da "Chiara" ovvero da #ChiaraCoda: ad oggi, una delle due uniche #donne presenti con la propria arte nella collezione del Museo a cielo aperto di #Castagno. Solo che, a differenza dell'altra (di #DianaBaylon) di cui vi racconteremo in un altro post, di lei - che a quanto pare firmava con solo il suo nome (segno di confidenza e intimità) - non sappiamo praticamente niente. La nostra ipotesi al momento è che Chiara Coda fosse all'epoca (negli anni '70/'80 del Novecento) una giovane artista che di sua spontanea volontà decise di donare al #Borgo, tramite il critico d'arte Tommaso Paloscia (fondatore del #Museo all'aperto), alcune sue opere. Se tutti gli altri artisti vennero in qualche modo invitati e quindi selezionati dal critico, lei probabilmente non lo fu. È evidente però che la sua arte, spontanea e delicata, fu comunque ben voluta e felicemente accolta e custodita dal #BorgoMuseo di #Pistoia. 💚🌰 #CastagnoDiMaggio: durante il percorso lento "Il borgo museo" di domenica 12 maggio, con le nostre guide e storiche d'arte (altre due donne: Ilenia Vecchio // @ile_ve di @CCTseecity ed Elena Zinanni // @tomokoragazzaradical di @FAIgiovaniPistoia) ci siamo soffermati in particolare ed intenzionalmente proprio davanti alle sculture delle uniche due #artiste donne che, su invito o no, hanno contribuito a rendere Castagno un Museo all'aperto. 🖼🌿 Ripeteremo lo stesso percorso questo sabato 18 maggio MA di notte, sotto le stelle e a lume di lanterna, per festeggiare insieme la Notte Europea dei Musei. ✨ Vi invitiamo quindi ancora ad ammirare dal vivo gli affreschi e le sculture che decorano vicoli, mura, angoli, finestre, del nostro piccolo magico paese sulla montagna pistoiese. #Iscrivetevi che vi aspettiamo! * Info: http://bit.ly/CastagnoDiMaggio2019 Foto: Rachele Salvioli // @rachele_salvioli_photographer 📷 (altra donna: quando decidiamo di seguire un tema, lo facciamo fino alla fine!) 😉 #CastagnoDiPiteccio #MuseumWeek * http://bit.ly/MuseumWeek2019


#️⃣🤫🏛 #SecretsMW * Per il secondo tema/hashtag della #MuseumWeek2019, vi raccontiamo di questo #cancelletto aperto per svelarvi "il segreto" del nostro #BorgoMuseo. Sapete cosa rende unico al mondo questo luogo? No, non lo straordinario fatto di essere un #Museo all'aperto. Bensì il fatto di essere un borgo, ed un museo, follemente amato e meravigliosamente curato dai suoi #abitanti. Abitanti che, oltre a prendersi cura delle opere d'arte qui custodite a partire dagli anni '70, si prendono cura dei #visitatori. Visitatori che, camminando per i vicoli stretti stretti del paese, sentono di percorrere spazi intimi come corridoi di casa ma di tutti. Spazi che gli abitanti sono abituati a condividere, spazi in cui si convive, anche se si è di passaggio. Così non è raro per i visitatori ricevere inviti e diventare improvvisamente ospiti, ritrovandosi a far colazione o merenda nel giardino o salotto di qualche "castagnolo". Proprio come è capitato domenica scorsa, 12 maggio, durante il percorso lento "Il borgo museo". Dopo esserci soffermati ad osservare e comprendere le sculture delle uniche due #artiste #donne (#ChiaraCoda e #DianaBaylon) presenti con la propria arte a #Castagno, Benedetta // @benemenimeni ci ha invitato nel suo giardino offrendo a tutti del buon #castagnaccio fatto in casa, succo e the. Una sorpresa dolce e inaspettata per i nostri due gruppi di visitatori, un'accoglienza che fa la differenza e che resta ricordo! Ecco quindi il #segreto: si chiama #ospitalità ed è speciale perché spontanea, vera, #autentica. Ed ecco perché ci piace questa foto del cancelletto aperto, scattata proprio un momento prima di entrare nel giardino di Benedetta, mentre la guida e storica d'arte Elena Zinanni // @tomokoragazzaradical di @FAIgiovaniPistoia concludeva la spiegazione sulle sculture appena fuori ed @ElenaCCT di @CCTseecity reggeva invece l'ombrello... (sì! Domenica scorsa - nonostante il cielo sfavorevole - abbiamo comunque percorso il borgo museo con ben due gruppi di visitatori! Di certo un po' di pioggia non ferma le nostre super #WomenInCulture). 💚🌰 Foto: @rachele_salvioli_photographer 📷 #CastagnoDiPiteccio #CastagnoDiMaggio #MuseumWeek







Alla prossima #MuseumWeek 2020!

Nel frattempo continueremo a contribuire al movimento nato con questa #MuseumWeek 2019 e dedicato alle donne nella cultura. Nelle varie iniziative e durante gli eventi che organizzeremo, cercheremo sempre di dare il meritato spazio all’universo femminile (che troppo spesso ancora oggi fatica a trovare). E condivideremo storie in tema - con l’hashtag #WomenInCulture - iniziando da… adesso!

Sì, partiamo subito con un’intervista di Elena Mazzoni Wagner a Simonetta Paloscia (figlia di Tommaso Paloscia, noto critico d’arte e fondatore del Museo all’aperto di Castagno) che ci racconta di bei ricordi e nuove idee... Evviva le donne! Evviva la cultura! Evviva la condivisione! :)

LEGGI l’intervista a Simonetta Paloscia